stegabriele1@stegabriele1

Io sono un animale di lusso ; e il superfluo mi è necessario come il respiro !

https://m.facebook.com/home.phpy

964 posts 1,504 followers 1,818 following

Dammi il permesso
Dammi il permesso di conoscerti meglio
di guardarti mentre fuori piove
dammi il permesso
di fare crescere questo amore
crescerebbe all'infinito
perché non mi basteresti mai.
Dammi il permesso di conoscere tutti i tuoi guai
di provare a farti sorridere
Dammi il permesso di sentirmi l'uomo più fortunato al mondo
dammi il permesso di aspettarti
di non vedere l'ora di baciarti
Dammi il permesso di stare ore
ad annusarti
di accarezzarti, di spogliarti
di allargarti di morderti
di succhiarti di viziarti
di farti impazzire
dammi il permesso di nascondermi dentro di te
Dammi il permesso di portarti nei miei pensieri,
di tenerti per mano
di abbracciarti prima di dormire
dammi il permesso di poterti accudire,
come un tenero fiore.
Andrea Gruccia


2

Al contrario di un uomo, una donna non ti sfiora mai per errore o per distrazione.

Charles Bukowski


1

Bella come ‘na donna che è attraente
Sa esse Madre, Amica e pure Amante
Qualcosa resta ‘mpresso nella mente
Er monno senza Roma nun è niente

Nun vojo raccontavve der passato
Li barbari, l’impero e le legioni
Tenemo a bada tutto er tempo andato
Narrato nelle classiche versioni

Ogni sampietrino c’ha esperienza
E te trasmette tutta la saggezza
Le luci de Natale a intermittenza
Davanti a te me fanno tenerezza

L’albe e li tramonti so’ fratelli
Pe’ te che li trasformi in cartoline
Ar Tevere specchiannose co’ quelli
Je prenne ‘n corpo tutte le matine

Te, Roma mia… te m’hai stregato
M’hai conquistato co’ la tua magia
Che pompa le emozioni a chi c’è nato
Chi c’è passato nun vò più annà via

Perché risolvi i dubbi dell’amore
Ai sentimenti dài scenografia
Scoprendoti me prenne er batticòre
E te va stretta ‘na fotografia

È facile descrive tutta l’arte
Che c’hai nel repertorio così grande
Sei ‘na vecchia mentre gioca a carte
Che stenne sopra a ‘n filo le mutande

E quando passo dentro a ‘n vicoletto
E guardo in alto e vedo i panni stesi
Te riconosco e tiro ‘n fori ‘r petto
De nasce a Roma forse te lo chiesi

A fatte li stornelli e le canzoni
Qualcuno pò pensa’ che esageramo
Ché pure altre città so’ perfezioni
Ma te sei Roma mia e io te amo


1

Vorrei fare le cose con te
quelle piccole
quelle cose semplici
come il pane
come il sugo di domenica
come i tramonti al lungomare
come lo zucchero filato alla fiera
come vedere i fuochi d'artificio
alla festa del paese
voglio fare le cose con te
quelle piccole cose
che fanno crederti al per sempre
che non ti fanno pensare alla morte
che ti saldano
che ti fanno unire i corpi e scambiare i cuori
come le castagne e il fuoco a novembre
davanti a un camino a citare Nanni Moretti
a ricordarci le capitali
a scervellarsi davanti alla fisica quantistica
e pogrammare vacanze da qui a dieci anni
a ipotozzare la Groenlandia
a giocare a scacchi
a ripassare la storia
e a inventarne una nuova, la nostra
voglio fare le cose con te
quelle piccole
quelle semplici ma meravigliose
come i tramonti
come la notte di San Lorenzo
come natale insieme
come far saltellare il mare
con le pietre comode
quelle cose semplici e meravigliose
che le guardi e ti innamori
ma che non ti sai spiegare
voglio fare le cose con te
quelle piccole
come vivere la mia vita.


2

Tu ce l'hai qualcuno che quando ti accompagna a casa controlla se la porta aperta poi si chiude con te ormai dentro casa?
Ce l'hai qualcuno che si assicura che tu sia felice tipo nelle piccole cose, tipo osservando i tuoi occhi come nessuno vuol fare mai, tipo chiedendoti sul serio com'è che stai, tipo ascoltando i tuoi silenzi come canzoni lente, come se potessero parlare soprattutto in mezzo alla gente perché la verità è che possono, possono eccome.
Ce l'hai qualcuno che quando fai tardi ti aspetta senza incazzarsi
o almeno non troppo e che non odia i tuoi difetti, nemmeno li ama, però li apprezza perché sa che senza non saresti tu, perché sei più bella quando ti arrabbi per niente, quando vai nel panico perché ogni cosa per te è importante, quando vuoi avere ragione se no scassi tutto, se no rompi le scatole per ore?
Ce l'hai qualcuno che quando pensa, pensa pure per te?
Intendo dire qualcuno che non pensa solo al suo bene, ma pure al tuo, come se la tua felicità e sua corrispondessero, che forse è proprio questo volersi bene: farsi bene a vicenda, quando farsi bene vuol dire soprattutto restare insieme.
Tu ce l'hai qualcuno che nelle occasioni peggiori, nei giorni più tristi è stato per te un faro, perché senza non vedevi niente, era tutto buio?
Ce l'hai qualcuno che se lo chiami viene a salvarti
basta che fai il numero?
E faresti bene a scrivertelo sulla mano, perché qua non ti salva mai nessuno.
Ce l'hai qualcuno a cui riesci a credere senza doverti sforzare quando ti dice che ti vuole bene, perché c'è quando tutto va male, perché ti insegna come volare quando vorresti sparire, perché crede in te nonostante per te tu non sia abbastanza, perché ti da la sua felpa se l'hai scordata a casa, e poi il suo sorriso se l'hai dimenticata sulla porta proprio prima di uscire anche se poi resta senza?
Tu ce l'hai qualcuno che il bene che ti vuole te lo fa sentire addosso, te lo dimostra?
Che ti guarda negli occhi come se tu fossi una cosa bella, troppo bella, introvabile, e non una cosa qualunque?
Ce l'hai qualcuno così? Perché ti assicuro che è l'unica cosa che conta e poi l'unica che ti salva.


1

E non succedeva mai niente di interessante. Niente. La gente era limitata e diffidente.
Tutta uguale. E io dovevo vivere con queste teste di cazzo per il resto della mia vita.
Pensavo.


1